Il Pisa va a fondo

Articolo pubblicato da Calciopress

Sul sito web del Pisa si legge il seguente comunicato: “I ragionieri Saverio Magagnini (commercialista Pisa Calcio) e Cesare Cava (incaricato dall’amministrazione comunale) hanno preso visione assieme al sindaco della comunicazione della Covisoc dell’8 luglio scorso nella quale si evidenziava, tra l’altro, il deficit patrimoniale di 5.328.938 euro. Successivamente il sindaco e i consulenti, hanno contattato la Covisoc per avere definitivi chiarimenti in merito alle contestazioni contenute nella lettera e riguardanti sia il deficit patrimoniale, che la natura della fideiussione bancaria di 100mila euro depositata all’atto dell’iscrizione al campionato di Lega Pro, oltre alle somme necessarie al saldo di emolumenti, contributi e ritenute fiscali al 30 aprile 2009 pari a 2.277.000 euro. La Covisoc ha confermato telefonicamente che ritiene non possano essere considerati i titoli apportati a capitale nel corso del primo semestre 2009, quale abbattimento del deficit patrimoniale della società; ciò comporta un ulteriore appesantimento del fabbisogno finanziario e patrimoniale. Questa ulteriore necessità finanziaria non trova, al momento, riscontro nella disponibilità della società Pisa Calcio e pertanto non potendo garantire il superamento delle condizioni poste dalla Covisoc, non risulta possibile garantire l’iscrizione al campionato di Lega Pro. Al contempo non possono essere garantiti i finanziatori che si erano resi disponibili ad effettuare i versamenti indispensabili al saldo di emolumenti, contributi e ritenute fiscali al 30 aprile 2009, pari a 2.277.000 euro. Per queste motivazioni i sottoscritti ritengono che le condizioni poste dalla Covisoc per l’iscrizione del Pisa Calcio al campionato di Lega Pro non possano essere superate, a causa della attuale situazione patrimoniale della società e della ristrettezza dei termini di scadenza (Saverio Magagnini – Cesare Cava)”.
Il succo della lunga nota è che il Pisa, nell’anno del centenario, deve dire addio al calcio professionistico. Il club nerazzurro ripartirà dalla serie D. Il sindaco Filippeschi ha chiesto un progetto serio a medio-lungo termine.
Tra gli interessati a prendere il timone della barca che cola a picco si fanno i nomi della ex presidentessa Maria Gabriella Gentili, della Copra di Piacenza e del presidente del Grosseto, Piero Camilli.

Annunci

Una Risposta to “Il Pisa va a fondo”

  1. Marco Says:

    Beh, che dire questa è l’ennesima conferma che è in atto un ridimensionamento generale e forse la direzione imboccata va verso più un calcio giocato che pagato….Passaggio che sta partendo dalla serie A fino alle piccole società dilettantistiche..che fosse la volta buona che la bolla speculativa che si è creata attorno la calcio…scoppi?
    MArco Mirisola
    Direttore e fondatore di http://www.ancheiopossoallenare.com


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: