Da Facebook:”La giornata tipo della Juventus”

facebookAutore: Marco Rizzo

Ore 7.00: Cobolli Gigli passa da casa di Del Piero e lo sveglia, mentre Nedved viene portato direttamente dalla badante al campo di allenamento a Vinovo.
Ore 8.00: Sissoko inizia il Ramadan e siccome Le Grottaglie non si sente inferiore a nessuno in quanto a fede comincia a stampare magliette con su scritto “Gesu’ vive in me”
Ore 8.30: Problemi per l’ingresso al campo di Giovinco, chi è sotto il metro d’altezza non puo entrare
Ore 9.00: Amauri arriva in ritardo all’allenamento..è appena tornato da Costa Crociere
Ore 10.00: Amauri cerca di trovare nuovi stratagemmi per avere la cittadinanza italiana
Ore 11.00: Buffon camminando si infortuna all’adduttore e siccome Zanetti non vuole che qualcuno abbia piu infortuni di lui durante la stagione, si strappa da solo i muscoli delle cosce
Ore 12.00: Ranieri guarda la squadra allenarsi e pensa : “Chi cazzo sono Andrade, Knezevic, Cardoso Mendes, Ariaudo, Ekdal e Poulsen??”
Ore 12.30: Biancaneve va a Vinovo e reclama la proprietà del cartellino di Giovinco
Ore 13.00: Tutti a pranzo tranne Del Piero, Nedved e Chimenti a cui la dirigenza ha deciso di cambiare la dentiera
Ore 14.00: Cobolli Gigli afferma che non cederebbe mai Del Piero per 120 milioni di euro
Ore 14.10: Il Manchester City chiama Cobolli Gigli chiedendogli chi cazzo mai gli darebbe 120 milioni di euro per uno di 35 anni
Ore 15.00: Giovinco torna a Vinovo contento per aver visto la nuova puntata dei Simpson
Ore 15.30: Camoranesi passa la piastra ai capelli
Ore 16.00: Nedved inizia le prove di simulazione sul campo da solo contro difensori immaginari
Ore 16.30: Campo inagibile per neve, arriva Lapo e risolve il problema
Ore 16.45: Manninger prova le uscite, ma dal campo di allenamento
Ore 17.00: Le Grottaglie prega..di non capitare durante la partitella di allenamento con Molinaro
Ore 17.30: Amauri cerca ancora i documenti per diventare un cittadino italiano
ore 18.00: Durante la partitella viene sostituito Amauri il quale arriva negli spogliatoi e spegne tutte le luci del campo..è un nostalgico di Costa Crociere.
Ore 18.30: Molinaro, De Ceglie, Marchionni provano i cross:cade la Mole di Torino
Ore 19.00: Allenamento finito. Ekdal, Knezevic e Salihamidzic fanno a gara per chi ha il cognome piu inpronunciabile; Le Grottaglie, Molinaro, Thiago fanno a gara a chi è piu scarso. Del Piero cerca il suo uccello per confidarsi sul suo stato di forma.
Ore 19.30: Lapo inizia a cercare trans per la nottata
Ore 20.00: Nedved cambia il catetere e Giovinco cambia il biberon con i Plasmon
Ore 21.00: Tutti a casa. La madre di Del Piero grida “Mangia!”, Nedved si fa la tinta, Camoranesi si ripassa la piastra.
Ore 22.00: Zebina lega al guinzaglio Sissoko e lo porta in giro per Torino a fare i bisogni.
ore 23.00: Le Grottaglie inizia la preghierina serale
Ore 23.30: Le Grottaglie è abilitato ufficialmente dal Signore per dare l’estrema unzione a Nedved
Ore 24.00: Tutti a nanna..domani è una nuova giornata di impegni..per chi ci arriva
Ore 1.00: Cobolli Gigli sveglia Blanc per chiedergli se qualcuno ha offerto 120 milioni per Del Piero
Ore 1.15: Blanc connette il cervello e chiede a Cobolli Gigli se il suo spacciatore è lo stesso che passa la roba a Lapo.
Ore 2.00: Tutti dormono tranne Amauri..gli manca ancora Costa Crociere!

Annunci
Pubblicato su Dal web. 2 Comments »

Pallone, veline e depressione. Il blog del calciatore misterioso

Sul sito del collettivo Mauro Repetto le storie di “Numero 12”giornale
Ma resta il dubbio se dietro quel soprannome ci sia veramente un giocatore.

“Ho quasi trentatré anni e guadagno seicentomila euro l’anno. Anche Beckham è come me, gioca e non rompe i coglioni”.

“Ho trentadue anni, quasi trentatré. Da quindici corro su e giù per i campi del calcio che conta. Molta A, un po’ di B, mai una ribalta davvero importante. Ancora oggi guadagno seicentomila euro l’anno. “E’ bravo”, dicevano di me. “Basta che non si perda per strada”. Io per strada mi sono perso. Miliardario a venticinque anni. Perché avrei dovuto fare di più? Mi sono accontentato. Sono un Gattuso senza corsa, un Pirlo senza piedi, un Ambrosini senza grinta. Sono un numero 12, uno di quei portieri di riserva che non giocano mai. Beckham, in fondo, non è tanto diverso da me. Leggete il mio diario per credere”. Inizia così la vita segreta di chi ha un numero ma non un nome. “Numero 12” ha scelto di chiamarsi. E non perché sia un portiere di riserva, ma perché è “uno di quelli che tutti sanno che c’è ma nessuno nota, sempre pronto ad entrare ma mai decisivo”.
Racconti del mondo del calcio da dentro, affidati a Cultura pop, il blog del collettivo Mauro Repetto (il biondino degli 883 che lasciò il gruppo nel pieno del successo). Storie di pallone, veline, coca, depressione, Rolex, Cayenne. Dubbi, molti. E idee. Quelle che i calciatori sembrano non avere o semplicemente non mostrano.
Chi sia “Numero 12” non è dato saperlo. Tantomento se sia realmente un calciatore o una brillante operazione di marketing di quelli del Repetto. A domanda diretta (inviata via mail) la riposta è ferma: “Per me mantenere l’anonimato è importante. Tutto quello che ho da dire lo scrivo ogni lunedì nel sito”. Assoluto riserbo anche da parte del collettivo: “Lo conosciamo da tempo e gli abbiamo chiesto di scrivere per noi. Riscontri? Buoni. Due case editrici sono interessate alla storia. La sua identità? L’unica cosa che possiamo dire è che nessuno si è avvicinato al suo nome”.
E allora non resta che partire dal sito. Da quelle righe che parlano di un padre ferroviere, dello shopping milanese post partita, della scelta, buona per ogni questione, di “starsene buono e non rompere”. Accontendandosi dello stipendio. Del macchinone e dell’orologio che è uno status. Della velina con cui è fidanzato, della coca e della depressione. Perché quella non fa distinzioni, tra calciatori e spettatori. E ancora della vacanza a Miami e del sesso a pagamento che tanti giocatori fanno per non avere complicazioni, “per poter dire arrivederci e grazie”. E di Beckham che tutto sembra meno un numero 12 e invece lo è. Perché nonostante il glamour, i tatuaggi, la pubblictà in mutande e la moglie cantante, “è uno che sa giocare e non rompe i coglioni”.
Questo e altro racconta e promette di raccontare “Numero 12”. Parla dell’oggi, ma anche del domani. Quando “la pacchia sarà finita”. Oggi che gli interrogativi su che cosa sarai dopo aver smesso con il calcio ti tormentano. Anche perché una risposta già te la sei data: “Uno dei tanti. Un Numero 12”. Senza esagerare.

Pubblicato su Dal web. Leave a Comment »

Da Facebook: “Giornata tipo dell’Inter”

facebookPost di Fabio Mazzuoli

ore 8.00: Mourinho si alza e dolcemente dice ti amo allo specchio. 
ore 8.30: Adriano chiude la discoteca e va all’allenamento (di regola si addormenta mentre sta guidando).
ore 9.00: i giocatori arrivano al campo di allenamento. Muntari chiede a Materazzi se può aiutarlo con la lingua visto che é l’unico italiano. Dopo cinque minuti lascia perdere, regala un dizionario a Materazzi e chiede a Javier Zanetti.
ore 10.00: chiama Mancini per sapere perché questo mese non gli é stato accreditato lo stipendio, visto che deve pagare l’estetista. Risponde Mourinho e Mancini riattacca subito e telefona sul cellulare a Moratti piangendo: “Mi hai detto che con quello era finita!!!”.
ore 10.10: Quaresma prova la trivela. Tre piccioni morti.
ore 10.20: un tifoso boy scout aiuta Figo ad attraversare la strada ed a raggiungere l’allenamento.
ore 10.30: Mourinho prova lo schema “palla ad Ibrahimovic e che Dio ce la mandi buona”. ore 11.00: Quaresma riprova la trivela. Grave infortunio di un operaio che lavorava su un impalcatura lì vicino.
ore 14.00: Cordoba, Samuel e Materazzi organizzano un simpatico mattatoio a metà campo coi ragazzi della primavera e successivamente presentano il loro nuovo libro, scritto a più mani con alcuni extracomunitari clandestini, dal titolo “Tanto comunque vada non ci potete espellere”.
ore 15.00: Mourinho si invia una lettera d’amore.
ore 15.30: Quaresma riririprova la trivela. Colpito il catetere di Figo.
ore 16.00: Mourinho prova lo schema “Ibra pensaci tu”.
ore 17.00: Burdisso con uno stop a seguire segna all’incrocio opposto.
ore 17.15: Quaresma ririririprova la trivela. Mourinho gli fa notare che sono finiti i palloni, che non possono recuperarli sempre a Malpensa e che ha leggermente rotto i marroni.
ore 18.00: arriva Adriano e chiede a che ora si mangia.
ore 18.15: Mourinho interroga i giocatori. Alla domanda: “Allora ragazzi avete capito cosa dovete fare?”, tutti in coro “Diamo la palla ad Ibra”. Tutti tranne Materazzi che risponde “presente”.
ore 18.30: i giocatori tornano alle rispettive case, Adriano torna all’Hollywood, Figo all’ospizio.
ore 22.00: Mourinho fa ripetutamente l’amore con sé stesso ed alla fine si dice “Sei stato magnifico come sempre”.
ore 24.00: a letto, non visto da nessuno, quasi in silenzio, Quaresma fa una trivela.

Pubblicato su Dal web. 1 Comment »

Figurina speciale per l’Inter campione d’inverno

panini2Questa iniziativa, per la prima volta nella storia dell’azienda modenese, rientra tra le novità della nuova  2008-09.’

L’Inter, a +4 punti sulla Juve, domenica si aggiudicherà formalmente il titolo di Campione d’Inverno 2008 – 09 ed è già pronta una speciale figurina Panini. Questa iniziativa, per la prima volta nella storia dell’azienda modenese, rientra tra le novità della nuova collezione ‘Calciatori 2008-09’: nell’album c’è la sezione ‘Film del Campionato’, che sintetizza i momenti salienti dei gironi d’andata e di ritorno della Serie A.
Insieme alla figurina speciale per l’Inter, infatti, la Panini realizzerà anche altre cinque figurine dedicate ai protagonisti del girone d’andata: il gol più bello, il capocannoniere, il portiere meno battuto, il calciatore ‘sorpresa’ del girone di andata e quello con il miglior rendimento in base alle medie voto.
Queste sei figurine speciali saranno distribuite in omaggio lunedì 2 febbraio insieme ai quotidiani Corriere dello Sport/Stadio e Tuttosport. “Siamo lieti di celebrare il risultato dell’Inter con questa figurina speciale – ha dichiarato Antonio Allegra, direttore commerciale Italia della Panini – che, insieme alle altre figurine dedicate ai protagonisti del girone d’andata, saranno certamente molto gradite da tifosi e collezionisti. La raccolta Calciatori 2008-09 sta già riscuotendo un grande successo nelle edicole di tutta Italia e, anche grazie a questa iniziativa speciale, diventerà sempre più un attento e aggiornato testimone della storia di questo Campionato”. La collezione ‘Calciatori 2008-09’ è composta da 684 figurine adesive sui giocatori di Serie A e B, I e II divisione di Lega Pro, Serie D e Serie A femminile.

Nazionale italiana Facebook: i convocati.

facebookUna squadra composta da ottomila persone in crescita esponenziale. No, non è il sogno dello sceicco del Manchester City ma la nuova forza del web 2.0. Stiamo parlando della nazionale di Facebook, una squadra nata sul web che al momento conta su un numero di iscritti pari a ottomila utenti. Gli ideatori del gruppo sociale si sono posti una semplice domanda: se siste una nazionale per cantanti, piloti, giornalisti, avvocati e via dicendo, come è possibile che ancora non ne sia stata creata una per il web? Ed ecco allora che la piattaforma di social networking più in voga del momento è corsa ai ripari.
I dirigenti della NIF (Nazionale Italiana Facebook) stanno aspettando la chiusura della ‘campagna acquisti’ prevista per il prossimo 13 dicembre. Il giorno dopo Massimiliano Trisolino, fondatore del gruppo, e Luca Volpi, Online Communication Manager, avranno l’arduo compito di selezionare fra tutti gli iscritti l’unidici titolare della neo nata nazionale.
I criteri di selezione della squadra titolare verranno dettati da specifici “osservatori”, ovvero gli utenti stessi di Facebook che si sono iscritti al gruppo, e che potranno valutare i giocatori virtuali, che hanno mandato la loro foto insieme a una propria scheda. I giocatori che avranno ottenuto più voti e commenti saranno chiamati a rispondere alla convocazione.
I convocati:
PORTIERI:
Felice Lardieri (24, Milano), Giovanni Pessano (26, Savona), Luigi Panzeri (23, Bergamo)
DIFENSORI:
Emanuele Messina (19, Como), Marco Patassini (18, Roma), Stefano Vito Scala (25, Latina), Giuseppe Capuano (23, Napoli), Antonino Palumbo (30, Oppido Lucano – Potenza), Marco Sparaco (25, Roma), Pipe Serri (19, Brindisi), Giovanni Perale (20, Belluno).
CENTROCAMPISTI:
Andrea Amadei (22, Lodi), Romeo Cappellato (21, Lodi), Giovanni Gurgo (23, Bari), Matteo Sacco (27, Torino), Michael Massa (25, Forlì), Pietro Cappellato (19, Lodi), Flavio Jay (28, Roma) , Stefano De Simone (17, Asti)
ATTACCANTI:
Gabriele Buttafuoco (19, Bergamo), Paolo Mancini (24, Trento), Damiano Obaffo (25, Roma), Ross Passuello (22, Aosta)

Fonte: NAZIONALE UFFICIALE DI CALCIO – UTENTI FACEBOOK

Pubblicato su Dal web. Leave a Comment »

Serie A – Analizziamo l’Inter. Come sara’ il 2009?

a cura di www.notiziesportive.info

07 Gennaio 2009 – In questa giornata di mercoledi’ non ci sono partite su cui puntare e allora andiamo ad analizzare le grandi squadre per vedere e capire cosa puo’ succedere nel 2009 e come si sono preparate a ricominciare. Il grande circo della Serie A riaprira’ i battenti il prossimo weekend. Inutile negarlo, i nerazzurri sono certamente la squadra piu’ forte e contro il Cagliari dovrebbero conquistare agevolmente i primi tre punti del 2009. Una critica a Mourinho e al suo staff dobbiamo pero’ farla: Milano e’ stata falcidiata dal cattivo tempo e ci saremmo aspettati maggiore furbizia dal club di Via Durini. La preparazione invernale e’ stata spesso sospesa e questo non e’ certo un bene in una squadra composta da tantissimi sudamericani. Non dico che sarebbero dovuti andare a Dubai ma in un posto un po piu’ caldo e tranquillo per lavorare, si. 

Inoltre c’e’ il caso Adriano: il giocatore e’ una bomba che esplode a tempo. Il tecnico portoghese lo aveva gia’ fatto fuori salvo poi ritornare sui suoi passi quando ‘cuor d’oro’ Moratti ha avuto un attacco di nostalgia. Siamo d’accordo che il brasiliano sia un giocatore dalle potenzialita’ inespresse ma ormai le sue carte se le e’ giocate, e male. Era ora di darlo in prestito e prendere un’altra punta: chiaro che Milito non era raggiungibile ma almeno si sarebbe potuto puntare su qualche altro elemento per rinforzare una squadra che al momento e’ fortissima…ma sul lungo termine e’ un po carente di alternative. 
Gennaio sara’ il mese che potra’ dirci che Inter sara’: con tre o quattro risultati i nerazzurri potrebbero allungare definitivamente sui bianconeri e chiudere la contesa. La vittoria sul Cagliari ci sembra scontata ma la partita seguente con l’Atalanta e’ tutta da verificare anche se ci aspettiamo i bergamaschi in netto calo in questa fase invernale. L’impegno seguente sara’ invece a San Siro contro la Sampdoria: i blucerchiati fuori casa sono ben poca cosa, quindi questi sulla carta dovrebbero essere punti facili da intascare. 
La partita chiave secondo noi sara’ Atalanta – Inter in quanto nella stessa giornata la Juventus andra’ a Roma contro la Lazio. Una vittoria dei nerazzurri contro l’Atalanta e un risultato negativo (molto probabile) dei bianconeri a Roma potrebbero indirizzare lo scudetto delle mani di Mourinho. In conclusione, riteniamo che al momento l’Inter ha l’80% delle possibilita’ di riconfermarsi campione d’Italia, anche se al mercato diamo un 5 in quanto ci sembra che si stia facendo molto poco per assicurare un futuro vincente. Se considerate che la Juventus per i prossimi due anni ha giocatori tipo Giovinco, Marchionni, Marchisio, De Ceglie, Molinaro…capite la differenza?
Molta meno fiducia abbiamo in Champions League: i nerazzurri hanno dimostrato di non avere la necessaria maturita’ per arrivare a Roma. Mourinho ha fatto una figura poco intelligente frignando: ‘ voglio il Manchester Utd’ in sede di sorteggio. Il tecnico portoghese e’ troppo presuntuoso per ammettere che l’Inter si e’ bruciata con le proprie mani andando a perdere il primo posto nel girone. Noi abbiamo una grande stima di Mourinho anche se alcune volte quello che dice e’ davvero assurdo. Il Manchester United non e’ certo quello della scorsa stagione ma e’ una delle squadre migliori d’Europa con grandissime potenzialita’. Inoltre, il fatto di giocare la prima a San Siro complica seriamente il tutto. Peccato davvero vedere una squadra cosi’ forte in campionato e cosi’ vulnerabile in Europa: Mou ha fallito nel comunicare ai giocatori la sicurezza da avere su certi campi. Ormai potrebbe essere troppo tardi e questo preoccupa seriamente in quanto il campionato l’aveva vinto anche Mancini…dove e’ dunque la differenza?
Nel complesso, l’Inter e’ al momento la squadra piu’ forte in Italia ma manca ancora di quel pizzico di personalita’ per conquistare grandi palcoscenici europei (risente forse anche della mentalita’ argentina che nelle grandi competizioni fallisce sempre!).
Pronostici: 
Inter vincente campionato
Inter eliminata dal Manchester United
Luca De Marinis – Notiziesportive.info

FA Cup : delusione Man City e Chelsea

a cura di www.notiziesportive.infoenglish

03 Gennaio 2009 – Il 2009 nel calcio inglese si e’ aperto con la FA Cup. Alcuni risultati sono stati abbastanza scioccanti come il crollo del Manchester City in casa contro il Nottingham Forest. Per gli uomini di Mark Hughes forse le tante voci di mercato hanno distratto la squadra davvero inguardabile oggi. Peccato perche’ il Forest, che milita in Championship, ha fatto saltare molte bollette agli amici scommettitori. Complimenti comunque al nuovo tecnico Davis che esordiva oggi sulla panchina.
Anche il Chelsea si e’ fatto fermare in casa contro i modesti avversari del Southend United (League One). E dire che per i blues sembrava tutto abbastanza facile quando Kalou era riuscito a portare la squadra in vantaggio, ma poi neglli ultimi minuti distrazione nella difesa dei londinesi e pareggio di Clarke. Davvero sfortunata questa partita che quindi costringe il Chelsea al reply e come nel caso del City fa saltare molte bollette. Qui pero’ l’unica consolazione e’ che di fatto si e’ trattato di sfortuna.
Tra le altre gare da segnalare l’affermazione del Tottenham contro il Wigan e la clamorosa sconfitta dello Stoke City che ha perso addirittura per 2-0 in casa contro Hartlepool United, formazione di League One. Rispetta il pronostico l’Arsenal che e’ riuscito a superare per 3-1 il Plymouth: i Gunners non hanno giocato molto bene ma almeno hanno fatto il loro dovere.
Questo turno di FA Cup dopo la sosta natalizia dimostra che forse la scelta e’ stata infelice: molte squadre infatti hanno tirato il fiato dopo il fitto programma delle feste e questo ha causato parecchie sorprese. Domani le altre gare con Gillingahm-Aston Villa e Southampton-Manchester United
Pronostico:
Gillingahm-Aston Villa X
Southampton-Manchester United 2
Giorgio Terenzi – Notiziesportive.info